Seleziona una pagina

Le quotazioni ribassiste segnano qualche ritracciamento a partire dalla giornata di ieri

29

MARZO, 2017

ANALISI TECNICA

Rinnovata volatilità sul contratto front-year, che toccando minimi decrescenti scende sui livelli più bassi dell’ultimo mese. La tendenza è inusuale se consideriamo l’avvicinarci della compliance. Le quotazioni si mantengono al di sotto della media mobile a 20 giorni ed i minimi del periodo in esame sono stati toccati nella giornata di lunedì (infra day 4,58 €/ton), rompendo al ribasso la banda di Bollinger inferiore. La perdita cumulata tra venerdì e lunedì è pari a oltre il 7%. Tale strappo al ribasso inizia ad essere corretto a partire dalla sessione di ieri che, congiuntamente alla mattinata odierna, segna un leggero ritracciamento al rialzo.

MACD al ribasso, CCI ancora in area di ipervenduto e oscillatore stocastico rialzista da ieri ci suggeriscono i seguenti possibili sviluppi: il trend primario rimane ribassista ma è plausibile che nei prossimi giorni assisteremo a degli apprezzamenti che potrebbero avvicinare il DEC7 nuovamente alla soglia dei 5,00 €/ton.

I volumi rimangono disomogenei sul periodo in esame: massimi di oltre 20,5 Mln il 22/03 seguiti da minimi a 9,8 Mln il giorno successivo rendono difficile l’identificazione di un pattern di prezzo solido. Non vi sono particolari figure grafiche da segnalare.

Il primo supporto viene individuato in area 4,60 €/ton mentre una prima area di resistenza rimane in area 5,05 €/ton.

Grafico EUA DEC7 (07.02.2017 – 21.03.2017)

Oscillatore Stocastico: Particolarmente indicato per l’analisi dei movimenti laterali di mercato, analizza la prossimità ai massimi (o minimi) delle chiusure giornaliere). CCI: Il commodity channel index misura di quanto il prezzo si discosti dalla sua media in un periodo di tempo prestabilito (di solito 14 periodi). Indicazioni rialziste/ribassiste oltre soglie di +100/-100. Bande di Bollinger: Canale grafico che misura la volatilità di un titolo. Le quotazioni hanno oltre il 95% di probabilità di mantenersi al suo interno. MACD: Moving average convergence divergence. Indicatore che evidenzia la relazione tra due medie mobili a periodo di diversa ampiezza e fornisce indicazioni sul trend in atto.